Know the truth

Bitcoin

La truffa di ArbiStar 2.0 Bitcoin da 1 miliardo di dollari si conclude in Spagna con un arresto

Un’altra grande truffa di criptovaluta è stata abbattuta dopo che la polizia nazionale di Tenerife ha arrestato Santiago Fuentes, accusato di aver frodato almeno 120.000 persone con una truffa alla Bitcoin.

Fuentes è stata la mente dietro ArbiStar 2.0

Fuentes è stata la mente dietro ArbiStar 2.0, una società che sostiene di aver sviluppato una serie di algoritmi matematici per creare un cosiddetto Bot che ha „successo nell’arbitrato della crittovaluta“. Con questo prodotto falso, ArbiStar ha accumulato investimenti in Bitcoin Future garantendo profitti massicci.

La società truffatrice aveva sede a Playa Las Americas, e le autorità hanno avviato un’indagine dopo che i clienti della società hanno intentato una causa legale accusando lo studio di gestire uno schema piramidale. I clienti della società hanno ipotizzato che ArbiStar 2.0 sia una truffa dopo che la società ha improvvisamente annunciato la cancellazione del suo cosiddetto progetto Community Bot, il 12 settembre.

In seguito a ciò, i clienti non hanno potuto accedere al Bitcoin che avevano investito nella società. Fuentes ha ripetutamente sostenuto all’epoca che l’improvvisa cancellazione era dovuta a un „errore del computer“ e ha assicurato i clienti che non si trattava di una truffa.

Fuentes continuò a mentire ai suoi investitori

Il 14 settembre è addirittura apparso in un video su YouTube sul canale ufficiale di ArbiStar YouTube, spiegando il motivo dell’interruzione del progetto e come verranno effettuati i pagamenti dei rimborsi. Egli ha affermato che il prodotto Bot è stato gestito in modo scorretto e, di conseguenza, lo sviluppo è stato interrotto.

Ha continuato a negare che ci fosse „una truffa o un fallimento“, affermando di non essere scappato, citando il fatto che aveva girato il video a casa sua come prova che non si stesse nascondendo o scappando.

„Quando ho avvertito i clienti che questo particolare prodotto veniva chiuso, ero a casa mia e capirete che se l’intenzione era quella di truffare, nessuno avrebbe agito in questo modo“.

Nel frattempo, Fuentes si alternava tra quattro delle sue residenze che possedeva a Tenerife. Affermava che lo faceva perché riceveva minacce, aggiungendo che aveva chiuso i suoi uffici locali a causa di queste minacce.

Secondo i media locali La Provincial, la polizia è stata convinta dalle menzogne di Fuentes e ha fatto irruzione in tutte e quattro le sue residenze e lo ha arrestato il 21 ottobre. È stato accusato di frode, riciclaggio di denaro sporco e di avere legami con un’organizzazione criminale.

Con questa truffa, Arbicorp è riuscito a raccogliere 850 milioni di euro (1,07 miliardi di dollari), come riportato dalla società di analisi a catena di blocco Tulip Research.

Il rapporto locale citava anche l’avvocato Gerardo Sanchez che ha dichiarato che la pena per aver gestito una truffa in Spagna può arrivare fino a 4 anni di carcere. Se il reato viene segnalato come frode aggravata, la pena può arrivare fino a 8 anni di carcere.

Leave a Reply